Il Grande Viaggio

MATTEO DI LEONARDO 5TET Bruxelles/Roma (Belgio/Italia)

Matteo Di Leonardo, 1991, chitarra
Filippo Bianchini, 1981, sax
Claudio Filippini, 1982, piano
Dario Piccioni, 1987, contrabbasso
Armando Luongo, 1984, batteria

Finalista Conad Jazz Contest 2017 - Premio speciale (Berklee Summer School) a Dario Piccioni, contrabbasso

Il progetto Matteo Di Leonardo 5tet muove i primi passi proprio sul palco di Umbria Jazz. Chitarrista abruzzese residente a Bruxelles, Matteo Di Leonardo – leader e compositore del gruppo – registra nel febbraio 2017 il suo album d’esordio, “Sketches”, assieme a Filippo Bianchini al sax, Claudio Filippini al pianoforte, Dario Piccioni al contrabbasso e Armando Luongo alla batteria. Un disco interamente formato da composizioni originali – orientate verso il modern jazz, ma con sfumature sonore che si riallacciano al jazz tradizionale – che riscuotono il consenso della Giuria del Contest.
La vittoria e l’esibizione a Umbria Jazz danno il via a un momento artistico estremamente proficuo per il gruppo: il sassofonista Filippo Bianchini è Resident Artist a Umbria Jazz Winter 25, mentre il leader Matteo ottiene il premio per le migliori composizioni originali al Zilina International Jazz Contest 2017 (Slovacchia) e si aggiudica uno dei venti posti del bando AIR Artisti in Residenza, promosso dall’Associazione Italiana dei Musicisti di Jazz e SIAE per offrire a giovani jazzisti under 30 la possibilità di trascorrere un periodo di formazione all’estero. Contemporaneamente, nel marzo 2018, “Sketches” viene pubblicato, con l’etichetta belga September.
Il Matteo Di Leonardo 5tet è anche il gruppo di cui fa parte l’artista ritenuto più promettente tra gli oltre 1.000 iscritti all’ultima edizione del Contest: il contrabbassista Dario Piccioni, classe 1987. Dopo una formazione musicale eccellente – dal Conservatoire royal de Bruxelles belgique alla Berklee di Valencia, passando per il Saint Louis College of Music – Dario sta portando avanti un tour di concerti e jam sessions tra Roma e Valencia, città dove tuttora vive. Nel luglio dello scorso anno ha preso parte al Festival di Spoleto, esibendosi nell’ambito di un ensemble di allievi eccellenti del Conservatorio di Santa Cecilia, guidati da Rosario Giuliani, docente di sax jazz e solista di fama mondiale.